Voto

4

Si è parlato a lungo – quasi fino allo sfinimento – di quanto avrebbe potuto funzionare un film su Venom, il personaggio ideato negli anni Ottanta da David Michelinie e Todd McFarlane. La Sony ha deciso di trasformare il progetto in realtà, convinta che la sola presenza dell’antieroe simbionte di casa Marvel, della coppia Tom Hardy-Michelle Williams e del regista Ruben Fleischer (autore del cult Zombieland) potesse bastare, considerando inutile la figura di Spider-Man. Mai scelta fu più sbagliata.

Trovare anche un solo elemento che funzioni di Venom è un’impresa ardua: le scene d’azione e gli effetti speciali, solitamente il punto forte di di ogni cinecomics che si rispetti, rasentano il ridicolo e l’ironia imbarazzante dei dialoghi tra Eddie Brock (Tom Hardy) e Venom fanno sembrare riuscite persino le gag di Thor: Ragnarok. La prevedibilità della sceneggiatura è disarmante e nessun colpo di scena riesce a scuotere lo spettatore, che dopo 112 minuti non prova altro che fastidio e voglia di andarsene dalla sala.

Venom è una terribile delusione per tutti i fan di Venom, uno dei villain più amati dell’universo Marvel.

Christopher Lobraico

Potrebbero interessarti: