Voto

8

Dopo un promettente esordio con un paio di mixtape e un EP che avevano attirato l’attenzione sulle sue qualità, la prodigiosa SZA, promessa del R&B contemporaneo, debutta finalmente con il suo primo album in studio.

Quattordici brani in cui scorre una miscela ben oliata di suoni molteplici, a volte più classici e a volte più elettronici, in cui la voce graffiante di SZA si fa anche pop (Drew Barrimore) e racconta dell’amore in modo tutt’altro che banale o stereotipato: cuori infranti, quelli degli occasionali compagni di avventura, e cuore infranto, il suo (Supermodel). Una crescita sentimentale – raccontata e intervallata da skit della nonna – che è una vittoria, un arricchimento del proprio bagaglio esperienziale; ma non si può dire altrettanto di molti suoi cari che l’hanno accompagnata in questo percorso, per i quali SZA non risparmia cartucce.

Ctrl è un album eclettico non solo nei suoni, ma anche nelle produzioni e nelle collaborazioni: dal re della trap (Travis Scott in Love Galore) al re dell’hip-hop (Kendrick Lamar in Doves in the Wind). Un disco così studiato da citare – in modo quasi impercepibile – anche il Drake di Controlla in Normal Girl: “You like it, when I be, aggressive”.

Anna Laura Tiberini

Potrebbero interessarti: