Primo settembre 2013. Il Maestro, nonché colonna portante dello Studio Ghibli, annuncia il suo ritiro. Un colpo al cuore per i molti appassionati di animazione che sono cresciuti con i lungometraggi di Miyazaki.

Il breve documentario di Kaku Arakawa inizia nella casa del regista nel 2015. “Voglio creare qualcosa di straordinario, ma non so se ne sono in grado” afferma Miyazaki, un uomo fuori dal comune, nonostante le sue abitudini siano alquanto ordinarie. La grande novità annunciata dal documentario è quella del ritorno sulla scena del Maestro con un cortometraggio intitolato Boro il Bruco, prodotto non più artigianalmente ma per la prima volta con la CGI.

L’impressione che si ha di Miyazaki è quella di un uomo anziano, saggio, forte e aperto all’innovazione, nonostante sostenga di essere al tramonto della propria vita. Never-Ending Man è l’occasione per vedere all’opera un grande artista e capire come funziona il processo di produzione di un lungometraggio animato, ma non solo: nel documentario sono presenti immagini, clip e schizzi inediti di quella che sarà la nuova pellicola del regista.

Filippo Fante

Potrebbero interessarti: