Voto

8
 

Miguel è un futurista del R&B a metà strada tra quel che è stato – Marvin Gaye – e quel che sarà.

Wildheart, la terza fatica discografica del songwriter di L.A., è paragonabile a un rapporto sessuale consumato lentamente, in modo godurioso. La traccia Coffee, nella sua psichedelia, racchiude alla perfezione questo concetto di carnalità emanato durante l’intero ascolto dell’album (da The Valley a What’s Normal Anyway).

Wildheart zampilla, come un’arteria rotta, di sensualità.

Christopher Lobraico