Voto

8

Mostrando una decisiva maturazione artistica – dal punto di vista dei suoni, spesso come producers e da quello lirico – con il terzo album in studio, Miguel si riconferma uno dei più validi giocatori del mondo dell’R&B.

War & Leisure porta l’ascoltatore in una calda vacanza californiana grazie a sonorità come quelle di Pineapple Skies, Banana Clip o Caramelo Duro – brano che, nonostante il testo spagnolo, riesce a non sembrare la colonna sonora di un telenovela latina –, senza dimenticare la super-hit Skywalker con Travis Scott. Ma questa volta Miguel, oltre ai classici testi ricchi di tensione sessuale, aggiunge forti elementi politici, parlando ad esempio di ipotetiche guerre nella City Of Angels e velate condanne sparse tra i testi alla tossicità della società contemporanea: “Gunplay, gunfire, grave death, stolen moments (Cheers)/ 5150 and lawless hearts / Raging and reckless / You know, love at large / Someday soon, stay ready with the getaway”.

Una romantica guerrilla che grazie alla stentorea voce di Miguel permette forse di azzardare un parallelo con Prince.

Anna Laura Tiberini