È stato un live da lunedì sera quello che si è tenuto lo scorso 24 luglio al Circolo Magnolia di MilanoLive da lunedì sera per le sue tinte stanche e a tratti malinconiche, ma pur sempre di qualità. Live da lunedì sera perché il pubblico non era dei più frizzanti. Live da lunedì sera perché sul palco c’erano i Morcheeba, band salita alla ribalta negli anni ‘90 e poi parzialmente caduta nel dimenticatoio. Live da lunedì sera di qualità perché si tratta pur sempre grandi pezzi e grandi musicisti.

Il suono live della band capitanata da Skye e Ross – unici due membri, su cinque, originali del gruppo e usciti nel 2016 con un album eponimo – risulta elegante, misurato e a tratti coinvolgente. I Morcheeba dimostrano, nonostante gli anni, di saperci ancora fare dal vivo. Il loro show è un tuffo nelle sonorità trip hop anni ‘90, tra classiconi resi famosi dalla pubblicità (Rome Wasn’t Built in a Day) e omaggi doverosi al duca bianco (Let’s Dance); uno spettacolo che scorre in modo piacevole e divertente. Simpatici anche i tentativi della band di interagire con il pubblico, che ha brindato insieme ai fan a colpi di tequila e poi li ha coinvolti in un coro a cappella sul ritornello molto orecchiabile della nuova Light Of Gold.

Uno spettacolo non troppo movimentato, ma allo stesso tempo abbastanza robusto da tenere svegli anche i fan meno accanitiDopotutto, era pur sempre lunedì sera.

Andrea Mauri