Voto

7

Il motivo principale per cui Joanne può essere definito il miglior album di Lady Gaga da Born This Way a oggi è sicuramente il suo equilibrio. Il caos deleterio di Artpop lascia spazio a un approccio più coerente grazie a collaboratori di spessore come Beck e Father John Misty, ma soprattutto a un team di produttori fuoriclasse quali Mark Ronson, Kevin Parker e Josh Homme.

La produzione, però, non è l’unico punto forte dell’album: il country pop di A-Yo va a nozze con il soft rock sfacciato di John Wayne e il dance pop di Dancin’ in Circles, dimostrando una qualità compositiva formidabile soprattutto in brani come Angel Down e Hey Girl, il duetto funk insieme a Florence Welch.

Joanne è una personale prova di maturità da cui ripartire con sicurezza e convinzione

Christopher Lobraico