Il 15 dicembre il palco di Linoleum avrà il piacere di conciliare due realtà diametralmente opposte: lo strutturalismo baroccheggiante di Johann Sebastian Punk e il sound più semplice degli Ongaku Motel, che agirà da contrappunto.

Johann Sebastian Punk, alter-ego di Massimiliano Raffa, è una realtà più concettuale che cantautoriale. È il risultato dell’astrazione teatrale e musicale di uno spaccato onirico appartenente a un periodo temporale indefinito. Stilemi provocatori ed esecuzioni tecniche volte all’esagerazione permeano Phoney Music Entertaiment, seconda produzione dell’artista siciliano, nel quale l’inglese dalle tonalità liturgiche e la parossistica architettazione musicale sono sapientemente coadiuvati dall’utilizzo armonico di un’ampia strumentazione di tipo classico, che lentamente si svolge lungo la lirica corale dell’intero album.

Diverse la concezione e le tematiche del multiforme universo pop che prende il nome di Ongaku Motel. La semplificazione testuale traspare dalle sonorità del gruppo, che contestualizza la tematica del disagio generazionale attraverso un approccio positivo quasi inedito rispetto al songwriting tradizionale in uso nel panorama underground italiano.

Sabino Forte